Disegnare casa: le dimensioni minime dei locali delle abitazioni

EF Admin Dev on 24/01/2018

Quando si inizia a disegnare casa uno dei primi quesiti è: quali sono le dimensioni minime dei locali delle abitazioni? Si tratta di una domanda legittima, da farsi sia quando si acquista un nuovo immobile che quando si inizia una ristrutturazione.

Le dimensioni minime dei locali delle abitazioni sono stabilite tramite una legge, si tratta del Decreto del Ministero della Sanità del 5 luglio 1975. In questa data vennero fissate in tutta Italia le principali regole igienico-sanitarie per gli edifici per evitare speculazioni e garantire la salute pubblica.

Disegnare casa: le dimensioni minime dei locali

disegnare casa

La normativa nazionale non riguarda solamente le camere da letto, ma anche tutti gli ambienti abitativi.

Secondo l’articolo 1 del Decreto Ministeriale le altezze minime delle stanze devono essere:

  • 2,40 metri per i bagni, i corridoi, i disimpegni e i ripostigli;
  • 2,70 metri per gli altri locali della casa.

La legge vale in tutta Italia con l’unica eccezione delle Comunità Montane dove l’altezza delle stanze può arrivare a 2,55 metri per via della particolare tipologia edilizia e delle condizioni climatiche speciali.

Disegnare casa: le dimensioni minime delle camere

disegnare casa

Secondo l’articolo 2 del Decreto Ministeriale le superfici minime delle stanze da letto devono essere:

  • 9 mq per le camere da letto singole;
  • 14 mq per le camere da letto matrimoniali o doppie.

Nello stesso articolo di legge viene disposto che nelle camere da letto, nella cucina e nel soggiorno sia presenta una finestra apribile.

Disegnare casa: le dimensioni minime dei monolocali

disegnare casa

Secondo l’articolo 3 del Decreto Ministeriale la superficie minima dei monolocali, comprensivi di servizi, deve essere di:

  • 28 mq se la casa è abitata da una persona
  • 38 mq se la casa è abitata da due persone

Nella normativa nazionale sono indicate anche le dimensioni delle aperture. La superficie della finestra infatti deve essere 1/8 della dimensione del pavimento del locale. La legge inoltre impone la presenza di una cappa di aspirazione sul piano cottura della cucina.

0 comments
Post a comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.